Home page Un po' di storia Le Ford RS Iscritti Raduni
Bibliografia Presentazione personale Aggiornamenti Link Amici

Escort RS1600 Mk1

Escort RS1600 stradale    Escort RS1600 stradale by "AVO"    il mitico BDA disegnato...    ...e installato nel cofano dell'Escort!!    Timo Makinen in volo alla London-Mexico 1970    il motore Kent dell'Escort vincitrice di Mikkola nel 1970

vittoria alla London-Mexico 1970...    ...e Mikkola ancora primo alla riedizione del 1995!    Mikkola in trionfo al Safari 1972...    ...e Makinen al RAC 1973    Spaccato della RS1600 Gr. 2 da rally    l'Escort Zakspeed dominatrice delle gare turismo

spettacolo in gare revival!!!

periodo di produzione: 1970-1974
Luogo di produzione: Halewood & AVO
esemplari costruiti: 1139

Breve storia...
Escort RS1600 Mk1: La prima Ford  RS della storia, la prima Ford di serie ad essere spinta da un motore Cosworth... un mito!
La produzione di questa splendida vettura inizi˛ il 14 gennaio 1970 ad Halewood per sostituire la giÓ  veloce (ma in alcuni frangenti di gara fragile) Twin Cam motorizzata Lotus, che rimase comunque in produzione fino all'aprile dell'anno successivo.
Dopo l'esperienza con la giÓ citata "TC", Ford si rese conto della necessitÓ di creare un compartimento speciale dedicato all'esclusiva creazione dei modelli pi¨ performanti senza "interferire" con la normale produzione di Halewood. Ecco quindi nascere "Advanced Vehicle Operation" (AVO) per la costruzione dei modelli sportivi e "Rallye Sport" per commercializzarli col nuovo badge "RS". Il 2 novembre 1970 assistiamo quindi al "lancio" della prima Escort RS1600 realizzata ad Aveley, South Ockendon (Essex), nei nuovi "atelier" della AVO.
Il corpo vettura era il giÓ conosciuto "Type 49" rinforzato della Twin Cam e la vera novitÓ della "RS" risiedeva nel motore. A spingerla era infatti un'unitÓ motrice realizzata appositamente dalla Cosworth: il celeberrimo BDA (Belt Drive, serie A) di 1,6 litri con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro, testata in lega leggera e basamento in ghisa del "Kent" montato sulla Cortina. Nel 1972 anche il basamento divent˛ in lega leggera grazie ad un personaggio chiave nella storia di questi motori: Brian Hart.
Una costante di tutti i BDA (e dei futuri BDT) Ŕ la corsa, pari per tutti a 77,62 mm: praticamente un marchio di fabbrica!
Tornando a noi... La potenza erogata dalla versione stradale di 1599cc era di 120 cv a 6500 g/m. Per ragioni puramente sportive la RS1600 venne per˛ omologata in Gruppo 2 (Turismo Speciale) come 1601cc: con questo "escamotage" la RS risult˛ da subito iscritta nella categoria 2 litri e questo permise di aumentare la cilindrata prima a 1850cc ed infine a 2000cc con potenze che sono passate dai circa 170 cv dei primi 1600, agli oltre 200 del 1850 per finire con gli abbondanti 235 del motore di 2 litri (il cui nome ufficiale era "BDG") che fece il suo esordio nel 1972.
In gara non fu solo il motore a ricevere attenzioni: si arriv˛ infatti ad avere 4 freni a disco, sospensioni posteriori rivisitate (dette "a torretta") e la trasmissione pass˛ dalle 4 marce dei primi esemplari al cambio ZF a 5 rapporti e differenziale a slittamento limitato abbinati al 2 litri.
Piccola curiositÓ: se cercate la batteria dell'Escort RS1600 Mk1 non aprite il cofano motore, non la troverete! La batteria venne infatti sistemata nel bagagliaio!
Concludiamo questa breve sezione ricordando che erano disponibili due allestimenti (il "Clubman Pack" ed il "Custom Pack") e che con gli accessori speciali della linea "Rallye Sport" era possibile rendere la propria RS stradale praticamente identica alle gemelle da gara: quindi allargamenti dei passaruota, fari supplementari, cerchi in lega Minilite, ecc.

Successi sportivi
Se la Twin Cam vinse moltissimo, la RS... lo fece all'ennesima potenza! L'Escort RS1600 divenne infatti l'auto da battere nei rally, rallycross e competizioni turismo! Impossibile citare tutte le affermazioni nelle varie discipline... Da ricordare in ogni caso il dominio nella Londra-Messico del 1970: in quei 25570 chilometri di gara che costituivano la "World Rally Cup", la Coppa del Mondo dei rally, l'Escort ottenne vittoria (con Mikkola) ma anche 3░, 5░, 6░ e 8░ posizione finale!!! Ed Ŕ proprio nel ricordo di questa vittoria che Ford produsse in seguito le famosissime Escort Mexico. Doverosa precisazione: le Escort "messicane" del 1970 non erano delle RS1600 "pure" e la loro denominazione ufficiale era "GT 1850"!
Ed ancora: la schiacciante vittoria nell'East African Safari del 1972 con Mikkola, primo pilota europeo ad aggiudicarsi la maratona africana. Da menzionare anche i tris di vittorie al 1000 Laghi (1970, 73 e 74) ed al RAC (1972, 73 e 74). Tra gli innumerevoli campionati nazionali e singole gare vinte, da evidenziare almeno la "top ten Escort" allo Scottish rally del 1973: 10 Escort ai primi 10 posti!!!
Con la RS1600 hanno vinto tantissimo i vari Hannu Mikkola, Timo Makinen, Gilbert Staepelaere e "Mr. Escort" Roger Clark, il pilota che ha vinto il maggior numero di gare (ben 23 tra il 70 ed il 74!!!) con questa vettura.
Nelle gare di rallycross va ricordata invece, tra le altre, la vittoria di John Taylor e della sua RS1600 nel campionato continentale del 1973.
Spostandoci dagli sterrati alle piste la musica non cambia: la punta di diamante dei successi nelle gare turismo Ŕ il 1974, quando la RS1600 si aggiudica il campionato europeo Marche e Piloti (con Hans Heyer) ma moltissimi sono anche i campionati nazionali vinti durante gli anni '70 (le RS pi¨ famose furono quelle preparate da Zakspeed e Broadspeed).
Una curiositÓ: nel 1995 venne indetta una riedizione della Londra-Messico... come 25 anni prima ad imporsi fu Mikkola e la sua Escort RS1600!!! Nel 1970, per ragioni di affidabilitÓ, venne impiegato il Kent di 1,85 litri ad aste e bilanceri depotenziato a soli 140 cv ma nel 1995 nel cofano della Escort venne istallato il "classico" BDA che con la stessa cilindrata di cavalli ne svilupp˛ 200.

principali caratteristiche tecniche versione stradale

MOTORE:

Ford-Cosworth BDA (Belt Drive, serie A) montato in posizione longitudinale-anteriore; 4 cilindri in linea; alesaggio x corsa 80,97 x 77,62 mm; cilindrata 1599cc (per omologazione dichiarati rispettivamente 80,98 x 77,72 mm e 1601cc); rapporto di compressione 10:1; potenza max. 120 cv a 6500 g/m; coppia max. 149,4 Nm (15,2 Kgm) a 4500 g/m; testata in lega leggera, basamento inizialmente in ghisa e dall'autunno 1972 in lega leggera; distribuzione a 2 alberi a camme in testa (cinghia dentata), 4 valvole per cilindro; due carburatori doppio corpo (inizialmente Weber 40DCOE e da aprile 1972 Dellorto 40DHLA); raffreddamento a acqua (capacitÓ radiatore 7,1 litri).

TRASMISSIONE:

Trazione posteriore; frizione ad attuazione idraulica (diametro 205 mm); cambio con 4 rapporti; rapporti al cambio:
1░ 2,972: 1
2░ 2,010: 1
3░ 1,397: 1
4░ 1: 1
Retromarcia 3,324: 1
Rapporto finale 3,77: 1

SOSPENSIONI:

Sospensioni anteriori indipendenti MacPherson, barra antirollio, ammortizzatori telescopici; Sospensioni posteriori ad assale rigido con puntoni longitudinali di spinta e di reazione, ammortizzatori telescopici.

STERZO:

Sterzo a cremagliera non servoassistito, 3 giri di volante per una sterzata completa da un fine corsa all'altro.

FRENI:

Freni anteriori a disco (pieno) con diametro di 243,8 mm; freni posteriori a tamburo con diametro di 228,6 mm e larghezza di 44,5 mm; impianto con servoassistenza.

RUOTE E PNEUMATICI:

Ruote in acciaio 5,5jx13; pneumatici 165 SR 13.

CARROZZERIA E TELAIO:

Berlina 2 porte, 5 posti; carrozzeria portante in acciaio "Type 49" rinforzata; coefficiente di penetrazione aerodinamica cx=0,43.

DIMENSIONI, PESI E CAPACITA':

Lunghezza 3977,6 mm; larghezza 1569,7 mm; altezza 1384,3 mm; passo 2400,3 mm; carreggiata anteriore 1295 mm; carreggiata posteriore 1313 mm; peso 870 kg; CapacitÓ serbatoio carburante di 41 litri.

Prestazioni versione stradale
VelocitÓ massima:
182 km/h

VelocitÓ nelle singole marce:
Prima:        65 km/h a 6800 g/m
Seconda:   97 km/h a 6800 g/m
Terza:        137 km/h a 6700 g/m
Quarta:      182 km/h a 6300 g/m

Accelerazione:
0-97 km/h:    8,9 sec (0-60 mph)
0-161 km/h:  32,3 sec
1/4 di miglio (402,33 m) con partenza da fermo in 16,7 sec (velocitÓ d'uscita di 130,3 km/h)
1 km con partenza da fermo in 31,2 sec (velocitÓ d'uscita di 159,3 km/h)

Ripresa in IV:
da 80 a 113 km/h:    9,5 sec
da 113 a 145 km/h:  12,5 sec

Prestazioni versioni da gara
Escort Zakspeed (275 cv a 9000 g/m) - dati vettura vincitrice campionato tedesco turismo 1975 (Heyer):
Accelerazione:
0-100 km/h:    4,7 sec (0-62 mph)
0-161 km/h:    10,1 sec
0-200 km/h:    17,4 sec (0-124 mph)

Escort 1973 "rally" (versione da 200 cv a 8500 g/m):
VelocitÓ massima:
173,8 km/h

Accelerazione:
0-97 km/h:      7 sec (0-60 mph)
0-161 km/h:    20,3 sec
1/4 di miglio (402,33 m) con partenza da fermo in 14,7 sec

Io e la RS1600...
Purtroppo ai tempi d'oro della Mk1 non c'ero (o ero troppo piccolo!) ma per fortuna al giorno d'oggi tra rally storici e regolaritÓ sport si riesce ad imbattersi in qualche bell'esemplare! Intanto eccovi la prima RS1600 "vera" in cui mi sono imbattuto, Rally 500 minuti Historic 2005:

RS1600 Gruppo 2 rally    RS1600 Gruppo 2 rally    RS1600 Gruppo 2 rally    RS1600 Gruppo 2 rally    RS1600 Gruppo 2 rally    cerchi Minilite

fianchi larghi!    RS1600 Gruppo 2 rally    interni    il mitico BDA!!!

Home page Un po' di storia Le Ford RS Iscritti Raduni
Bibliografia Presentazione personale Aggiornamenti Link Amici